MALE' E IL SUO MOZAMBICO



sino al 9 ottobre il Museo Africano di Verona ospita la mostra MALE' E IL SUO MOZAMBICO, personale dell'artista mozambicano Antonio Malendze detto Malè. Malendze fin da giovanissimo si appassiona alla pittura, acquisendo da autodidatta la propria speciale tecnica nell'uso dei colori, delle profondità e delle innovative texture che inserisce per dare matericità ai propri dipinti. La sua volontà è quella di distaccarsi dalle scuole d'arte più diffuse di Maputo, in Mozambico, che tanti definiscono rigide perché filogovernative, Malè vuole essere libero, trovare un suo stile, non seguire schemi fissi. Le ardue condizioni di vita, soprattutto all'inizio della sua carriera, l'hanno portato a dipingere su tele di qualsiasi tipo: lenzuola usurate, panni, cerate di copertura e a reperire le colorazioni necessarie, ingegnandosi nel riciclo. Suggestionato dall'arte figurativa dei makonde, popolo assai conosciuto a livello internazionale per la realizzazione di sculture, Malè elabora composizioni di figure umane, stilizzate, che si articolano in modalità e strutture differenti, che possano raccontare ogni aspetto della vita, anche quello più quotidiano. Temi ricorrenti nei suoi lavori sono il rispetto per l'acqua, l'importanza della famiglia, la presenza della musica in ogni momento della vita, i valori comunitari quali ad esempio il rispetto, l'ascolto, la condivisione. 
 
La tecnica principe è sempre l'olio su tela ma, mentre all'inizio della sua carriera prediligeva le tinte monocromatiche, poi ha inizio una fase più di sperimentazione in cui si avvale della profondità attraverso il gioco del chiaroscuro e di una più estesa gamma di colori, quasi a voler rendere tridimensionali le scene dipinte. Dal 2009 Malè stringe una stretta collaborazione, con l'Italia, conoscendo un'associazione di promozione interculturale, la galleria African Art Gate che ha sede a Brescia, e ad oggi sono state organizzate oltre 25 sue esposizioni in Italia, in varie città: Brescia e provincia, Torino, Ferrara, Cremona, Frosinone, Bologna. L'esposizione vuole presentare 30 opere plastiche e pittoriche, tra cui anche tele di grandi dimensioni, in cui si percorrono le tappe della vita. Attraverso gli occhi e l'arte di Malè, si ha la possibilità di fermarsi a riflettere sulla nostra condizione di essere umani, trovando temi comuni che ci accomunano. Un viaggio nella magia dell'Africa, è questo che donano i quadri di Malè, che ci proietta nei mercati marittimi, per poi danzare e suonare in feste popolari, entrando in villaggi seguendo sentieri di sabbia rossa, assistendo a matrimoni e separazioni, iniziazioni per trasformare i passaggi di età della vita, vivendo l'attesa dell'acqua come elemento universale di vita.
 
>> BIGLIETTO intero 5,00 euro; ridotto 3,00 euro. Il biglietto della mostra permette di visitare l'intero Museo Africano (aperto dal martedì al venerdi, dalle 09.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 17.00; il sabato dalle 09.00 alle 12.30; talune domeniche dalle 14.00 alle 18.00. chiuso il lunedi)
>> Per essere sempre aggiornato, metti Mi Piace sulla nostra pagina WWW.FACEBOOK.COM/VERONA.NET

ALTRI EVENTI IN PROGRAMMA PRESSO MUSEO AFRICANO